Alimenti da Yogi contemporanei : Il Seitan

seitan-funghi

INGREDIENTI per 2 persone : 

  • Una confezione di Seitan al naturale o alla piastra
  • Funghi champignon
  • Salsa di soia
  • Aglio
  • Prezzemolo
  • Olio extravergine di oliva
  • Due dita di vino bianco
  • Farina
  • Radicchio o insalata per accompagnare
funghi-seitan-salsa-soia

Pulisci e lava dei funghi champignon e tagliali a pezzetti. Taglia anche il seitan a pezzetti e mettilo a bagno nella salsa di soia per alcune ore.

setitan-farina

Scola la salsa di soia e passa il seitan nella farina

spadellata

In una padella antiaderente abbastanza larga fai imbiondire un spicchio di aglio nell’olio di oliva, poi aggiungi gli champignon e cuocili per circa mezzora a fuoco basso (assaggiali, sono pronti quando mordendoli non senti più uscire acqua). A fine cottura aggiungi prezzemolo fresco.

saltare-seitan

Metti il seitan in una padella antiaderente con olio di oliva e fai rosolare un paio di minuti poi aggiungi e sfuma due dita di vino bianco. Abbassa il fuoco e prosegui la cottura per altri 5 minuti, finche tutti i pezzettini risulteranno dorati.

saltare-il-tutto

Unisci il seitan ai funghi e salta il tutto per un paio di minuti.

 

 

piatto-pronto

Accompagna a insalata o radicchio. Un gustoso e nutriente secondo vegano è pronto per essere gustato! Buon Appetito!

Annunci

Luoghi della nostra memoria, luoghi del cuore

“Si riposa meglio nei luoghi amati, si gode forse quella pace cercata in vita e mai trovata.”

                                                                                                                                             [Mauro Corona]

Oggi mi sono recata nel piccolo paese tra i colli dell’ Oltrepò Pavese da cui proviene la famiglia dalla parte di mia mamma ed in cui ho passato un mese tutte le estati della mia infanzia, più innumerevoli week end. Quando mi reco in questo piccolo paradiso lontano dal traffico, smog e stress sento subito un’ondata di benessere : la mia mente si calma, il cuore si apre, il corpo si rilassa. Passarvi una settimana poi è una vera e propria terapia. Il tempo non lo misuro più con l’orologio ma guardo il sole, non mi interessa più sapere se sono le cinque e un quarto o le cinque e mezza che tanto quanto sono li non fa differenza. Il sonno ha un’altra qualità, il cielo stellato e il silenzio totale mi augurano ogni volta una splendida nottata. Le strade conosciute, i sentieri nei boschi percorsi mille volte non mi annoiano mai anzi rivedere quei luoghi in cui ho giocato, passeggiato, riflettuto, chiacchierato mi infonde ogni volta un senso di serenità e sicurezza. Tutti i ricordi felici legati alle persone di quel posto che ho amato e che ora non ci sono più invece di crearmi nostalgia, cullano la mia mente e mi fanno sentire protetta. E’ come se lì ancora percepissi la loro presenza.

Credo che tornare nei luoghi felici del nostro passato e tener viva la connessione con quei posti sia di grande importanza nel percorso alla scoperta di noi stessi. Io perlomeno ne traggo un immenso giovamento ed ogni volta che torno mi sento rigenerata.

Piccoli trucchi per praticare la mattina appena svegli

theChiunque inizi a praticare yoga seriamente si ritroverà davanti allo scoglio del “farlo tutti i giorni” il che comporta spesso il “doverlo fare appena svegli” cioè prima di colazione. Aiutooooooooooooo!!! Eh sì, questo e’ un piccolo trauma per tutti noi che siamo abituati ad aprire gli occhi al mattino solo grazie al pensiero di una gustosa colazione! Svelo quindi alcuni trucchi, da me collaudati, che ci possono aiutare a fare diventare questo sforzo, con un po’ di pazienza, una piacevole abitudine.

Asana di equilibrio

virabhadrasanaiii-variationOggi vorrei condividere quello che ho imparato recentemente sulle asana di equilibrio. Premetto che mi sono sentita una vera impedita per molto tempo in questo tipo di esercizi perché sbagliavo qualcosa di fondamentale: ovvero che non bisogna sforzarsi di rimanere in equilibrio ma bisogna ascoltare il proprio corpo, percepirne le oscillazioni ed imparare a gestirle. Il risultato sarà l’equilibrio!!! Nello yoga non bisogna desiderare il risultato perfetto ma bisogna curare l’esecuzione corretta ogni giorno con pazienza ed accettazione del nostro limite in quel momento. Un bel giorno il risultato sperato arriverà quando nemmeno ce lo aspettiamo e ne rimarremo gioiosamente sorpresi.

ps. Nella foto sto eseguendo una variante di Virabhadrasana III che amo molto perché permette di aprire il petto e quindi il nostro cuore mentre siamo concentrati per mantenere l’equilibrio.

Il meglio da ogni momento…

Una delusione in ambito lavorativo, la fine di un rapporto d’amore, un collega, un cliente o un concorrente che ci fanno impazzire; ogni evento sfavorevole deve diventare la nostra occasione per aggiungere un pezzo in più al puzzle della nostra crescita personale. Tutti i problemi e le difficoltà che troviamo sul nostro percorso devono essere uno stimolo ad accendere la scintilla creativa per risolvere la questione. Quasi tutto ha una soluzione, a volte invece dobbiamo imparare ad accettare ciò che non si può cambiare. La vita intera è in continuo equilibrio tra volontà e accettazione.

Oggi ad esempio ho deciso di trasformare la delusione per la riduzione del mio orario lavorativo in un’occasione per aprire questo blog, avendo più tempo per riflettere e mettere per iscritto quello che imparo ogni giorno, sopratutto grazie allo Yoga.

Incominciando dalle piccole cose….

Autorealizzazione e’ fare ogni giorno qualcosa che ci piace veramente.”

Namaste’